Verrès

Interdittiva antimafia, bocciato ricorso

Dopo il Tar, anche il Consiglio di Stato ha bocciato il ricorso contro i provvedimenti collegati all'interdittiva antimafia emessa il 9 maggio 2016 dal questore di Aosta nei confronti dell'impresa Ag.f. srl, con sede del capoluogo valdostano. Si tratta dell'esclusione dalla 'white list' per gli appalti pubblici, della revoca da parte della Regione delle autorizzazioni all'esercizio di attività estrattive e ambientali e dell'inserimento dell'interdittiva nel casellario dell'Anac. La società è stata inoltre condannata al pagamento di duemila euro di spese processuali. Il "dominus" - un socio, che poi ha ceduto le quote di maggioranza alla madre - era stato condannato in via definitiva nel 2008 con l'accusa di aver ceduto nel 2001 cinque chili di esplosivo da cava a una cosca della 'ndrangheta del Canavese. Una circostanza che per i giudici di secondo grado "rileva primariamente". Tra le attività dell'Ag.f., spiccava il servizio di sgombero neve 2012-2017 della strada regionale 44, nella valle del Lys.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie